Servizio  
Questo Sito non ha fini di lucro, né periodicità di revisione. Le immagini, eventualmente tratte dal Web, sono di proprietà dei rispettivi Autori, quando indicato.  Proprietà letteraria riservata. Questo Sito non rappresenta una Testata Giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può essere considerato, in alcun modo, un Prodotto Editoriale ai sensi e per gli effetti della Legge n.62 del 7 Marzo 2001.
 
Repubblica italiana 
Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie 
Provvedimento Garante della Privacy 8 maggio 2014 - 3118884  
Si avvisano i Sigg. lettori che questo sito, denominato Logos, si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche assolutamente anonime.  
NON sono presenti software o Social plugin che gestiscono i cookie con altre modalità.  
NON sono presenti Cookie di Profilazione, pertanto non c’è l’obbligo di comunicazione al Garante, secondo l’art. 37 comma 1, lettera d, del Codice sulla privacy.  
Proseguendo con la navigazione e la lettura dei contenuti, rimane inteso che prestate il consenso all'uso dei cookies stessi.
Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.
 
InterniEsteriCulturaIl parolaio
 
Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. 
 
La falsità  ...   (Continua)       
16 Giugno  2017  Ninni Raimondi                  
       
  
 
 
 
L’orologio aggiorna ogni 3 secondi la nostra stima dello stock di debito, che si basa su – e viene continuamente corretta con – i rapporti mensili della Banca d’Italia. In questo modo vogliamo aiutare i cittadini a capire cosa si intende, quando si dice che siamo gravati di un debito pari a circa il 120 per cento del prodotto interno lordo. Per rendere il concetto ancora più chiaro, basta considerare che questo debito a 13 cifre (valore riferito al 31 luglio 2010) equivale a circa 30.724 euro per ogni italiano, inclusi neonati e ultracentenari, ovvero 80.327 euro per ogni occupato. Tra gennaio e luglio 2010 il debito pubblico è aumentato di 50.100.143.820 euro, più di 7 miliardi al mese, 236 milioni al giorno, quasi 10 milioni di euro all’ora, 164.112 euro al minuto. Ogni secondo, questo debito immenso è cresciuto di 2.735 euro, più di quanto guadagni una famiglia media in un mese. 
(dati Istituto Bruno Leoni - Milano, Torino) 
   
Ninni Raimondi   
_
  
 
11/2/2016                        
                 
 
   
 
Kirkuk città aperta 
Irak: Kirkuk, città aperta, ...  
 
 
ISTAT
 
Congratulazioni al Rag. Monti: Il 2012 è l'anno peggiore dal dopoguerra.  
Della seconda guerra mondiale. 
Continua a leggere
 
 
 
 
 
Scarica il PDF della situazione  
 
 
 
 
 
 
 
Siria: la ricomposizione 
 
 
 
 
Federazione Italiana Editori Gio          Fondazione Ordine dei GiornalistOrdine dei Giornalisti              
  Fed Naz.le della Stampa It.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
    
 
Licenza Creative Commons